Pillole di accessibilità n.15: Il turismo secondo Bed&Care, intervista ad Alessandro Zucconi di Giovani Albergatori Federalberghi Roma

Il turismo accessibile è un'opportunità o una scocciatura per gli albergatori? Ne parliamo con Alessandro Zucconi Presidente dei giovani albergatori di Federalberghi Roma.

La normativa italiana stabilisce che ogni struttura ricettiva debba essere dotata di stanze accessibili alle persone con disabilità, tuttavia per gli ospiti con esigenze specifiche risulta spesso difficile trovare una sistemazione in linea con le proprie necessità. Cerchiamo di capire perché assieme ad Alessandro Zucconi, Presidente dei giovani albergatori di Federalberghi Roma.

 

Quale è l’attitudine degli albergatori rispetto ai temi dell’accessibilità?

Premesso che gli albergatori rispettano gli obblighi di legge, c’è da sottolineare che alcune previsioni legislative comportano un incremento dei costi.

Quando parlo di costi, non mi riferisco soltanto al costo dei lavori di adeguamento in sé, ma anche, e soprattutto, ai costi in termini di spazio da allocare alle stanze adattate che, per loro natura, richiedono spazi più ampi delle altre. Non bisogna dimenticare, infatti, che per l’albergatore, ogni metro quadro dell’hotel è uno spazio che deve essere messo a reddito e allocato in modo efficiente e proficuo al fine di garantire la sostenibilità dell’azienda.

In questo contesto sta all’individuo e alla sua sensibilità valutare se questo tipo di investimento rappresenti un costo, una scocciatura o una opportunità.

Nella mia esperienza, ho visto degli alberghi che utilizzano le stanze accessibili per altri usi perché non le identificano come un asset effettivamente vendibile sul mercato, mentre ci sono altri colleghi che puntano sul miglioramento dell’accessibilità come volano per aumentare il proprio fatturato e attrarre una nuova clientela.

 

Perché per molti albergatori l’accoglienza di turistici con bisogni specifici è vista come problematica e non redditizia?

Sicuramente un fattore che frena l’albergatore, pur in presenza di stanze adattate, è la paura che il resto della struttura non sia adeguato. Molti albergatori piuttosto che far andare via un cliente insoddisfatto, e quindi rischiare una cattiva recensione, preferiscono evitare di proporre il proprio hotel nel circuito del turismo accessibile o, comunque, non evidenziare e pubblicizzare adeguatamente le facilities a disposizione dei clienti con esigenze specifiche.

In che modo questa attitudine potrebbe cambiare?

Innanzitutto facendo capire all’albergatore che ospitare viaggiatori con esigenze speciali è molto più semplice di quanto si possa pensare.

Nella mia esperienza è sufficiente essere capaci di informare adeguatamente il cliente circa le caratteristiche del proprio hotel in modo tale che sia il cliente stesso a decidere se la struttura sia o meno adeguata alle sue esigenze.

Ad esempio il mio hotel ha un ascensore molto stretto, quindi al momento della prenotazione informo di questo aspetto gli ospiti con mobilità ridotta in modo tale che sappiano da subito che, a seconda della larghezza della sedia che utilizzano, potrebbero non essere in grado di accedere ad alcune aree. Poi, quando l’ospite arriva, il nostro personale propone una visita dell’hotel durante la quale vengono messe in luce le soluzioni adottate per rendere la struttura più accessibile e fruibile. Una volta fatto questo, per avere un cliente soddisfatto, è sufficiente trattarlo e servirlo come qualsiasi altro ospite.

Un altro aspetto importante è lavorare sulla formazione del personale e sull’adozione di procedure che aiutino le diverse professionalità a rispondere in modo adeguato alle richieste delle varie tipologie di ospiti. In questo senso sarebbe importante che anche i consulenti alberghieri, architetti e ingegneri, fossero preparati e formati per offrire all’albergatore delle soluzioni di arredo e di utilizzo degli spazi che siano il più possibile flessibili, efficienti e accessibili per tutti. Nel mio hotel, ad esempio, la stanza adattata è una tripla dotata di due bagni uno dei quali è accessibile. In questo modo nel momento in cui la stanza non è occupata da ospiti con disabilità motoria è sufficiente chiudere quel bagno per avere una stanza in tutto e per tutto uguale alle atre.

Lei è anche un albergatore, che interventi ha fatto per migliorare l’accessibilità del suo hotel?

Presso il mio hotel cerchiamo di dare la giusta attenzione a tutti gli ospiti. Alcune soluzioni sono piuttosto semplici, ad esempio per i clienti con allergie alimentari, abbiamo creato un fascicolo in cui si spiega la provenienza dei prodotti, inoltre gli ospiti hanno la possibilità di segnalare eventuali esigenze specifiche in modo tale che la cucina ne tenga conto al momento della preparazione del pasto.

Tra i nostri addetti al ricevimento c’è una ragazza che conosce la Lingua Italiana dei Segni (LIS) e ci stiamo attrezzando per migliore l’accessibilità anche per le persone non vedenti e ipovedenti attraverso l’installazione di mappe multilingua in braille e l’adozione di numeri a contrasto per la numerazione delle stanze.

Per le persone con disabilità motoria, come spiegavo prima, abbiamo adattato una stanza tripla che è dotata di due bagni uno dei quali accessibile.

Ne è valsa la pena?

Le persone sono contente, il feedback è buono. Per il prossimo futuro stiamo pianificando di promuovere la struttura sui circuiti dedicati per fare in modo che questo primo feedback positivo si trasformi in un aumento di fatturato.

Articolo di Serena Stefanoni

 

         

Bed&Care è un servizio dedicato agli operatori turistici professionali attraverso il quale tour operator, agenzie di viaggio e hotel possono prenotare servizi di assistenza alla persona e noleggio ausili per i loro clienti con esigenze speciali. Per prenotare i nostri servizi registrati sul sito www.bedandcare.com.

       Scopri i nostri servizi


Sei una azienda o un operatore turistico? Aderendo al nostro network potrai entrare in contatto con i viaggiatori che hanno bisogno dei tuoi servizi durante la vacanza!

L'iscrizione al network Bed&Care è completamente gratuita!

        Approfitane! Registrati     Subito