Pillole di accessibilità n.2: Cos'è il turismo accessibile?

Cos’è il turismo accessibile? Quanti sono i viaggiatori con esigenze specifiche che viaggiano abitualmente in Europa e cosa possiamo fare per migliorarne l’accoglienza?

Articolo di Daniela Orlandi

Proviamo a dare delle risposte su questi argomenti e a fornire suggerimenti utili sulle buone prassi per un’ospitalità veramente inclusiv attraverso la rubrica “Pillole di accessibilità”, un’iniziativa di Bed&Care rivolta agli operatori turistici e a chi opera nel settore dell’accoglienza e del tempo libero.

I viaggiatori e i turisti con esigenze speciali, siano essi persone anziane o con disabilità, rappresentano un importante segmento di mercato.

Stime delle Nazioni Unite indicano che a livello globale le persone con  disabilità siano più di un miliardo, ma si arriva a due miliardi se si considerano anche i familiari e gli assistenti. Quindi circa un terzo della popolazione mondiale sarebbe coinvolta direttamente con le problematiche della disabilità.

Secondo uno studio del 2012, voluto dalla Commissione Europea, la domanda di turismo da parte di persone con esigenze speciali ha generato un fatturato complessivo di 786 miliardi di euro, pari al 2,75 % del PIL totale dei 27 paesi dell’Unione, e le proiezioni indicano anche che nel 2020 in Europa avremo circa 120 milioni di persone con una qualche forma di disabilità.

Valutando che le persone con disabilità hanno una propensione a viaggiare che si stima superi il 50% e che, abitualmente, si spostano assieme ad amici e familiari si può affermare, senza ombra di dubbio, che il turismo accessibile rappresenta un mercato in crescita che richiede la dovuta attenzione.

Ma cos’è il “turismo accessibile” e cosa possiamo fare per rendere l’offerta turistica più fruibile a tutte le categorie di viaggiatori?

Nei prossimi mesi cercheremo di dare una risposta a questi quesiti assieme a Bed&Care, una start up innovativa a vocazione sociale che si occupa di turismo e che si è resa disponibile a curare la rubrica “Pillole di Accessibilità” all’interno della quale verranno forniti dei suggerimenti per migliorare la qualità dell’accoglienza rivolta ai viaggiatori con esigenze specifiche.

Con questa prima puntata cercheremo di capire cosa sia il turismo accessibile e di superare alcuni luoghi comuni come, ad esempio, l’idea che per definire accessibile una struttura sia sufficiente che abbia un bagno adeguato alle esigenze di persone con disabilità.

Quando si parla di turismo accessibile, si tende spesso a concentrare l’attenzione in modo quasi esclusivo sugli aspetti critici legati alla presenza di barriere architettoniche che invece, pur rappresentando un ostacolo importante, non esauriscono il tema dell’ospitalità inclusiva.

Troppo spesso, infatti, si tende a dimenticare che la disabilità ha varie forme, che ci sono tante esigenze diverse e altrettanti livelli di adattabilità e sensibilità e che, quindi, il tema dell’accessibilità nell’offerta turistica va messo in relazione non solo alla fruibilità degli spazi, ma anche alla corretta gestione dei servizi e alla qualità dell’accoglienza.

Il turismo accessibile è infatti quell’insieme di servizi, strutture e infrastrutture che consentono alle persone con “bisogni speciali” come disabili, anziani, o coloro che hanno esigenze dietetiche particolari o problemi di allergie, la fruizione della vacanza e del tempo libero senza ostacoli o difficoltà.

Questo concetto non può essere ricondotto alla sola accessibilità fisica dei luoghi, ma va esteso anche alla qualità dell’accoglienza rivolta a tutte le persone, un’accoglienza che deve essere improntata alla disponibilità, al rispetto e all’attenzione per le esigenze specifiche di ciascuno.

Attraverso la rubrica “Pillole di Accessibilità” Bed&Care intende offrire agli operatori che lavorano nel settore turistico degli spunti di riflessione sulle difficoltà che un viaggiatore, sia esso con disabilità fisica, mentale o sensoriale, può incontrare in viaggio, e proporre delle soluzioni che possano contribuire, in modo concreto, a rendere la vacanza più piacevole e fruibile.

Ogni articolo si concentrerà su un tema molto circoscritto e cercherà di fornire indicazioni su come gestire, nel lavoro di tutti i giorni, alcune situazioni che si potrebbero presentare quando ci si confronta con le esigenze specifiche di persone con difficoltà fisiche, cognitive, sensoriali o mentali.

Ogni articolo sarà realizzatoqua in collaborazione con una associazione che indicherà quali sono le principali difficoltà incontrate dai propri soci quando intraprendono un viaggio o una vacanza. Partendo da questo spunto, si proporranno dei suggerimenti in grado di contribuire ad eliminare o, quantomeno, ridurre le criticità in questione.

Nella rubrica si cercherà di rispondere a diverse domande. Come posso cercare di mettere a proprio agio una persona con difficoltà relazionali quando si trova al ristorante o in un contesto affollato? Quel pacchetto vacanze o quell’albergo è davvero accessibile alle persone su sedia a ruote o ci sono degli ambienti non pienamente utilizzabili? Una persona che usa il deambulatore per camminare di che spazi ha bisogno? Come posso rendere più fruibile il materiale informativo a persone con problemi cognitivi?

Numerose saranno le domande ed altrettante le risposte perché il turismo accessibile si misura anche dalla capacità di mettere a proprio agio il turista in ogni circostanza, indipendentemente da una situazione di disabilità o dall'età.


                                                                            

                                                              CHIEDILO A BED&CARE …la domanda falla tu!

Se possiedi una struttura ricettiva o sei proprietario di un bar o di un ristorante e hai incontrato delle difficoltà nell’accogliere clienti con esigenze specifiche, scrivici e raccontaci la tua esperienza. In collaborazione con il nostro network di associazioni, cercheremo di aiutarti a rendere più fruibili i tuoi servizi per tutte le tipologie di viaggiatori.

                                                                                 Scrivici a info@bedandcare.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bed&Care è una startup innovativa a vocazione sociale specializzata nel fornire a operatori turistici e viaggiatori con disabilità i servizi di assistenza che potrebbero essere utili durante la vacanza.

Attraverso il nostro portale,è possibile: noleggiare ausili, richiedere servizi infermieristici e servizi di assistenza alla persona.

Scopri i nostri servizi


Sei una azienda o un operatore turistico? Aderendo al nostro network potrai entrare in contatto con i viaggiatori che hanno bisogno dei tuoi servizi durante la vacanza!

Per tutto il 2016. l'iscrizione al network Bed&Care è completamente gratuita!

Approfitane!

Registrati Subito


Si ringraziano per la collaborazione